E’ stato organizzato per mercoledì 11 Maggio prossimo il “SISTRI click day”, una prova generale del funzionamento e della tenuta del SISTRI, il sistema informatico per la tracciabilità dei rifiuti, in vigore dal 1° giugno. Il Click Day rappresenta un modo per le imprese per tutelarsi e ridurre al minimo il rischio di sanzioni, mentre per il Ministero dell’Ambiente rappresenta un modo per avere dati più certi sullo stato delle imprese e per risolvere il problema ancora pesante della completa funzionalità del Sistema.

L’11 Maggio 2011 oltre 300mila imprese sono chiamate a testare i dispositivi SISTRI collegandosi al Sistema e testando le chiavette Usb e le black box per registrare le movimentazioni dei rifiuti prodotti e gestiti quel giorno o, in mancanza di dati da registrare, per verificare l’accesso e la corretta funzionalità del nuovo Sistema. Il click day si terrà quindi la stessa data in cui entrerà in vigore il T.U. SISTRI (Dm 52/2011) che abrogherà tutti i 5 decreti SISTRI sino ad ora emanati.

Dal 1° giugno, infatti, per gestire i movimenti di rifiuti non sarà più possibile usare i tradizionali registri e formulari. Si dovranno usare esclusivamente i dispositivi elettronici SISTRI.

Possono partecipare tutte le imprese e le loro unità locali iscritte al SISTRI (produttori e gestori di rifiuti).

Sono invitate anche le imprese prive di dispositivi informatici: queste dovranno comunicare agli indirizzi infosistri@sistri.it, clickday@confindustria.it (o alla omologa e-mail della propria organizzazione) che non dispongono dei dispositivi SISTRI, spiegandone il motivo.

Lo scopo sarà quello di far accedere quanti più operatori possibile in una sola giornata al portale del nuovo Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti, al fine di testare la sua funzionalità simulando una “normale” giornata di operatività. Ciò per assicurarsi che tutti gli operatori siano messi in condizione di assolvere agli obblighi derivanti dal Sistema SISTRI.

Partecipando al click day l’impresa si accerterà così del funzionamento (o meno) dei dispositivi in suo possesso, potrà monitorare la risposta del sistema e segnalare in tempo eventuali malfunzionamenti, eventualmente chiedendo la sostituzione o il ripristino dei dispositivi ricevuti.

Dimostrerà così anche la propria buona fede, in vista di eventuali sanzioni.

Salvo complicazioni, il tempo necessario a completare la procedura dovrebbe essere compreso fra 30 e 60 minuti.

Invitiamo dunque tutte le imprese iscritte al nuovo Sistema, a collegarsi al SISTRI nella data dell’11 maggio 2011 e testare il nuovo sistema operativo, per ridurre il rischio di errori nella gestione informatica e, di conseguenza, il rischio di pesanti sanzioni applicabili a partire dal 1° giugno 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X