Gesta Papers n 103 del 29/06/2016
Tempo di lettura: 1 minuto
Il D.Lgs. 231/01 nel nuovo Codice degli Appalti, una nuova opportunità.

Il nuovo Codice degli appalti e delle concessioni di cui al D.Lgs. n. 50 del 18 aprile 2016 è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il 19 aprile ed è entrato in vigore nella medesima data.
L’articolo 93 del nuovo Codice, in tema di garanzie per la partecipazione alle procedure di gare pubbliche, stabilisce che nei contratti di lavori, servizi e forniture, l’importo della garanzia e del suo eventuale rinnovo è ridotto del 30% per gli operatori economici in possesso di una certificazione del Sistema di gestione a tutela della Sicurezza e Salute dei Lavoratori e/o dell’ attestazione del Modello Organizzativo Gestionale, ai sensi del Decreto Legislativo n. 231/2001.
Tale intervento si pone in una continuità di visione che il legislatore ha intrapreso ormai da alcuni anni nel voler creare una corsia preferenziale per quelle Imprese che dimostrano di aver scelto una strada di trasparenza, ottimizzazione dei sistemi interni di controllo e di compliance.
L’adozione del Modello 231 apporta sia vantaggi diretti che indiretti alle organizzazioni. Tra quelli diretti, abbiamo l’effetto esimente dal regime sanzionatorio, l’ottimizzazione dei processi e la tutela da rischi operativi il che favorisce lo sviluppo di buone pratiche. A questi si aggiungono vantaggi indiretti dati dai continui monitoraggi previsto dal Modello, che favoriscono l’individuazione delle inefficienze dei processi, evidenziando le aree di miglioramento.
Il Modello 231, nella sua previsione in un contesto quale quello degli appalti pubblici rappresenta un segnale rilevante, se si tiene conto del fatto che ad esso viene attribuita una valenza premiale per l’Impresa che lo adotta.
Nell’attuale contesto normativo l’adozione di un adeguato ed efficace Modello 231 è di importanza strategica per le Imprese anche per dimostrare la loro trasparenza e la legalità.
Gesta è a disposizione per ogni chiarimento in merito, al numero 0187564442 o alla mail gesta@gestaconsulenza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X